Lisola non decolla, e sgarbi sono più sardo io

I sardisti stanno dunque con il conquistatore. Un sardismo da barzelletta. Ma non importa. Vuol prendersi la Regione, e con essa le terre che Soru ha provato a blindare. Fu il governo Berlusconi, nelad impugnare davanti alla Consulta la salva-coste.

Eccola, la loro oasi: Un record. Lo prende in cura Floris, e lo fa assessore al bilancio del comune di Cagliari: e il bilancio va immediatamente in rosso. Adesso saltano fuori le foto. Ma non solo. Il reporter sostiene di avere ben istantanee. Tre giorni fa, per cercare di bloccarne la pubblicazione, il presidente del Consiglio ha presentato un ricorso al Garante della privacy.

Prezzo richiesto: un milione e mezzo di euro. La stessa cifra che sarebbe stata negoziata anche con il settimanale della Rusconi Gente. Le immagini cominciano a circolare nelle redazioni dei giornali. Beh, nella casa dello gnomo…. Nessuna malizia. Amiche, fate attenzione ai primi bagni di sole. E in effetti, te lo vedevi spuntare dappertutto, tra i nuraghe, o dovunque ci fosse una telecamera al seguito.

A fianco, come un cagnetto ben addestrato, il candidato Cappellacci, muto ma sedicente sardo pure lui. Barzellette tante, per il resto finto come la sua moquette di peli alieni. Ho quindi deciso di dare alle stampe questi miei appunti scritti in epoca non sospetta.

Sgarbi: «È Biasi il big dei pittori del ’900 isolano»

Buon sangue non mente. Le pecore guardavano lui e lui guardava le pecore. Si guardavano per tutto il giorno ed era molto bello.Io mi limito a fare qualche banale riflessione sui dati di voto e sulle conseguenze. Senza scostarsi di un millimetro da quella concezione da banchieri che tanto piaceva e piace a Ciampi ex-banchiere e ai burocrati europei, ma che ha un ruolo nella politica estera pari quasi a zero. L'italiano medio ritiene, vuoi per tradizione culturale, vuoi per carattere latino, che a governare un Paese complesso come il nostro serva un esecutivo "forte", con carattere.

E' la politica del "Fare": la parola d'ordine del centrodestra. E' utopia che tutti possano sempre dire la loro, in ambiente di governo come in qualsiasi altro ambito operativo. Passando di palo in frasca, mi sembra che An, Udc e i Comunisti potrebbero incarnare il "successo" ed il senso di queste elezioni, gli archetipi di tre anime politiche dell'Italia. An sono i decisionisti per tradizione, a volte arroganti, pure puntigliosi, e fedeli.

Udc sono i moderati che dovrebbero essere "illuminati", garbati, riflessivi, mai una decisione affrettata, pronti al dialogo, ed a difendere i valori: a parole, nei fatti molto meno. I Comunisti sarebbero i "ribelli": pronti a scatenare l'inferno per qualche aspetto che ritengono ingiusto - anche se magari di secondaria importanza, allergici alle regole ed ai doveri, ma pronti a battersi per i diritti, di tutti, e con gli ideali e le ideologie in primo piano, a parole.

Il resto? Non credo di essere il solo, dopotutto. Sono considerati, invece, come un'anima un po' fantasiosa ed estremista del Centrosinistra, e non fanno nulla per spostarsi da un automatismo che associa gli ambientalisti a questo schieramento politico.

E un Pecorario Scanio che si fuma i sigari e beve il buon vino, partecipa a mille tavole rotonde e via di questo passo Ancora, mentre la Lega Nord mantiene le sue posizioni ed anzi guadagna, forse sospinta anche da un effetto "Bossi" in malattia, i piccoli partiti ad personam Di Pietro Occhetto, Sgarbi, Mastella, ecc. Insomma, in conclusione Forza Italia ha perso 4 punti, mentre Prodi non decolla: e questi sono anche i titoli dei principali quotidiani di questi giorni. Si intuisce che, da una parte il Paese esprime il dissenso per Berlusconi mentre dall'altra verso Prodi e una coalizione che non convince.

Ora ci si accorge che forse neanche quest'alchimia telefonata convince l'elettorato di sinistra. Un catto-comunista drammaticamente antistorico, un pasticcio all'italiana, un burocrate della politica. Un tempo c'erano politici del rango di Berlinguer e di Moro. Ah, aggiungo: peccato per i Verdi, ma sono loro ad essersi suicidati politicamente, legandosi mani e piedi con un universo come quello dei Centri sociali. I temi ecologici sono di tutti, mica quelli di destra sono tenuti a non interessarsene, scusa.

TinyLetter Privacy Policy. Luciano Giustini. English version. Keywords :.Sardegna libera, Italia libera.

Cerca su Trentino

Sapevano effettivamente un po' di ritorsione le parole del sindaco di Milano sulle sue destinazioni per le vacanze estive. Non in Sardegna, dopo la richiesta di un passaporto sanitario da parte del presidente della Regione, Solinas.

E indispettita, e addirittura isterica, la reazione di Massimo Fini che demolisce la Sardegna e il suo mare per scegliere la Corsica. Deliri di menti fragili contro la forza della natura che non teme la sfida di alcuna malattia, soprattutto immaginaria. Quando uscii venimmo circondati da delle vecchie zie che tutte vestite di nero se ne stavano da quelle parti: Ma vi rendete conto di quello che avete fatto?

Racconto impossibile. E io mi sentii per la prima volta desiderato. Sono forti e dignitose, mai moraliste. Guarderebbe con distacco.

E anche se una volta fosse stato vero, mai, vedendo gli uomini mezzi nudi, si sarebbero avvicinate. Sicuramente si sarebbero girate dall'altra parte. Siamo abituati al silenzio, al vento ed al fuoco, a guardare il mare seduti sul monte e parliamo al sacro senza usare parole. Il sole e la luna sono figli del vento e siamo soli davanti a Dio. La Morte ci cammina dentro, moriamo ogni notte e ogni giorno rinasciamo e l'astore e la volpe sono i nostri maestri.

Le nostre notti sono buie, ma le ali dei demoni che nascondono il sole non ci fanno paura e le janas sono solo le custodi della notte. Non si sfidano, non si provocano, anche loro fanno parte del creato.

Siamo sardi, siamo uomini anche quando siamo donne e gli uomini sanno piangere senza vergognarsi. Siamo sardi sempre, anche quando il mare ci porta il nemico e noi e la terra siamo tutt'uno. Capito tu hai? Le vediamo nei riti, nelle processioni, nelle cerimonie, come nello Sposalizio a Nule. Le Donne irraggiungibili di Giuseppe Biasi sono eleganti e altere nei costumi sardi.

Le vediamo nella stazione ferroviaria di Tempio Pausania. Timide ma al contempo curiose di scrutare l'estraneo.

Il duello tra Sgarbi e Cecchi Paone: \

Gli occhi perduti in un sogno di fuga. Vita, forza, coraggio. Fini ricorda male: le ha viste altrove, quelle donne vestite di nero.E infestati da ogni sorta di animali. Ma i sardi, che erano astuti, lasciarono gli animali nei nuraghi e loro si adattarono a dormire fuori. Davanti al fuoco, ma senza rompere i coglioni al prossimo con armoniche a bocca e country.

Un progenitore del famoso architetto, certo Pansecu, decise che i nuraghi erano brutti. Oltre che. Gli altri brutti nuraghi, specialmente quelli posti vicino al mare, vennero accuratamente. Soprattutto al nord. Anticamente, la Sardegna era difficilmente raggiungibile e i numerosi viaggiatori erano costretti a.

Come oggi…. Craxi e Moratti major, sarebbe morto di fameper la delusione di non poter varcare il mare e. Sandokan, Erik il Vichingo, ecc. Ma non figura nessun eroe che si chiamasse Cuccureddu. Garibaldi era venuto in Sardegna, come tanti, per un week end, poi, non trovando modo di ripartire. Di Spadolini, Garibaldi, conservava la superba collezione di conchiglie. Questa collezione era talmente. Dove ancora si trovano e si possono ammirare. Basta spostare. Molti agricoltori prima piantavano cavoli, poi hanno piantato carciofi, poi hanno piantato tutto e.

In tutto il mondo i funghi nascono sotto gli alberi, in Amazzonia i funghi sono alti quanto gli. Altrove, sopra le fragole ci mettono la panna. In Sardegna, se non ci mettiamo il letame, col cavolo. Nelle zone costiere, invece, il granito, sotto forma di scogliera, serve per essere venduto a due lire.

Silvio-Ciprietta, che ci fabbricano sopra tanti bei ghetti per sedicenti vip. Le vallette e Umilio Fede amano la Costa Smeralda. Ci vuole una certa inclinazione per fare il loro. La pastorizia ha dei grandi vantaggi: i contributi regionali, i contributi CEE, e il fatto che, per. Anzi il pastore a. O coglione! Ma quella vengono a farla i pescatori di Mazara del. Solo la fotografia pesava 4 chili! Nonostante tutto, sono in aumento i pescatori dilettanti che si servono delle canne.

Alcuni se le fanno addirittura da soli, le canne, e Pannella li conosce tutti. Questi non prendono.Sei partite da giocare, sei punti da conquistare. E sono carico anche per la prossima stagione. Cosa ho detto alla squadra? Tutte le news sul Pescara. Benevento Crotone Spezia Pordenone Frosinone Cittadella Salernitana Pisa Empoli Chievo Verona Virtus Entella Ascoli Cremonese Venezia Perugia Pescara Juve Stabia Cosenza Livorno Cosa ne pensa un uomo di cultura delle esternazioni rilasciate da Feltri?

Ecco le parole di Vittorio Sgarbi rilasciate al nostro giornale:. Credo che si tratti di un paradosso che fa parte del personaggio, nel senso che ha detto una cosa che non andava detta. Mi hanno rimproverato addirittura per questo. Mi dica quali sono le frasi rimproverate a Feltri? Sono delle schematizzazioni che vanno interpretate in termini non genetici e razzistici. Saviano e Feltri, quindi, sono identici. Salva il mio nome, email e sito web in questo browser per la prossima volta che commento.

I cookie necessari sono assolutamente essenziali per il corretto funzionamento del sito Web. Questi cookie non memorizzano alcuna informazione personale.

Registrati Aderire. Accedi al tuo account. Password dimenticata? Crea un account. La tua email. Recupero della password. Recupera la tua password.

Forgot your password? Get help. Rosanero Live. News Palermo Live - Cronaca, politica, sport. Cosa pensa delle esternazioni sui meridionali? Qualcosa si muove a centrocampo: i nomi dei possibili rinforzi. Una nuova chance per Ficarrotta?

Palermo, le trattative per i rinnovi. Per favore inserisci il tuo commento! Per favore inserisci il tuo nome qui. Hai inserito un indirizzo email errato! Le rubriche. Marco Iona - 17 Luglio 0.Carfagna espelle Sgarbi, portato via dai commessi…. Una scena orribile e disgustosa che viene criticata da tutte le forze politiche, anche se con alcuni distinguo, come dai vertici di palazzo Montecitorio.

Riccardo Molinari, capogruppo leghista alla Camera dei deputati. Poi, smentisce anche e persino di aver insultato le deputate ma lo stenografico della Camera, in questo come in altri casi, non mente. Ma se Sgarbi crede di avere offeso me, si sbaglia.

Nainggolan, alle pretendenti si aggiunge l’Atalanta

Io non sono la sua vittima. Insomma, Giusi Bartolozzi non ha parole di comprensione per Sgarbi. Ma io non voglio partire dal sessismo. Voglio concentrarmi sulle parole gravissime che Sgarbi ha detto contro i giudici.

Ecco, in quel momento non sono riuscita a trattenermi, ho sentito il dovere morale di prendere la parola sul regolamento per far sentire la voce di chi dedica la vita alla giustizia. Lo usa per farsi da paravento, per copertura.

E nei confronti dei giudici, ha sempre mosso critiche circostanziate e rispettose. Sia chiaro: la vicenda Palamaracerte degenerazioni del correntismo, richiedono valutazioni approfondite e sono legittime le critiche, ci mancherebbe. Non sproloquiare con quel livore in Parlamento.

Immaginare Berlusconi rivolgere quegli insulti irriferibili a una donna: impossibile. Chiede sempre il giornalista. Per conto mio sappia che non mi ha offeso. Ha offeso le donne. Quanto a me, mi dispiace per lui, ma non mi sento la sua vittima.

Ma veniamo al piatto forte, le tipologie dei peggiori insulti. Insomma, la fattispecie del reato. Tutto inizia agli albori della Repubblica. Nelsoprattutto il Senato, diventa il palcoscenico di una novella guerra di Troia: gli Achei socialcomunisti assaltano i Troiani democristiani a suon di libri, banchi e ogni genere di oggetti contundenti. Sempre nella stessa occasione ecco lo sputo di Tommaso Barbato Udeur a Nuccio Cusumano Udeurche poverino subito svenne, reo di aver cambiato voto rispetto alle indicazioni del padre padrone di quel partitino di allora, Clemente Mastella.

Ma i grillini sono andati anche molto oltre. Un genio, la Pini, ieri. Una vera signora la Bortolozzi, oggi. Faccio il giornalista. Mi occupo di Politica italiana. Seguo la Politica dall'interno dei suoi Palazzi principali. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


thoughts on “Lisola non decolla, e sgarbi sono più sardo io

Leave a Comment